WeGovNow

Towards We-Government: collective and participative approaches for addressing local policy challenges

WeGovNow è stato un progetto incentrato sullo sviluppo e l’utilizzo di piattaforme tecnologiche per il coinvolgimento dei cittadini nei processi decisionali che riguardano il miglioramento, la riqualificazione e la rigenerazione delle aree in cui vivono.
Il progetto si poneva la finalità di coinvolgere efficacemente la cittadinanza attiva nella co-progettazione e fruizione di servizi, ampliando la capacità dei cittadini di collaborare con il settore pubblico attraverso policy con le quali la Pubblica Amministrazione informa, assiste e incentiva azioni private e sinergie con i cittadini (passaggio di paradigma dall’e-Government – cittadini utenti – al We-Government – cittadini partner ).

I partner europei

Empirica Gesellschaft fur Kommunikations-und Technologieforshung MBH, Mapping for Change London, University College London, London Borough of Southwark, Università degli Studi di Torino, Politecnico di Torino, Fondazione Brodolini, Città di San Donà del Piave, Infalia Pc, FlexiGuided GmbH, Universität Heidelberg, Funka Nu Ab

Il progetto a Torino

Gli scenari di testing a Torino sono stati due:
1. The “AxTO” use case – Involving citizens in funding decisions about NGO-driven cultural projects within Turin’s ongoing AxTO investment programme
La piattaforma WeGovNow (in particolare le funzionalità offerte da LiquidFeedback) sono state utilizzate per consentire il voto telematico nell’ambito dell’azione 4.01 di AxTO. Con migliaia di cittadini che si sono registrati e hanno votato, questo scenario ha contribuito dimostrare l’affidabilità tecnica della piattaforma pilota in termini di utilizzo su larga scala, dimostrando anche che il processo è replicabile in contesti simili. Inoltre, il processo di registrazione e verifica degli utenti implementato ha dimostrato di non rappresentare un ostacolo generale per attirare utenti pilota su larga scala, né in relazione alla sua affidabilità tecnica né all’utilizzabilità.
In totale, 73 associazioni sono state ritenute idonee a proporre iniziative nell’ambito dell’azione AxTO 4.01. Oltre 9.000 cittadini si sono registrati e hanno votato in un arco di tempo piuttosto breve.
2. The “Parco Dora” use case – Co-design of new areas for young people and teenagers within the Dora Park in Turin.
Con questo scenario si è lavorato ad un modello di co-progettazione degli spazi pubblici che
assegnasse un ruolo preminente ai soggetti e alle comunità locali.
Si è sviluppato un percorso di progettazione partecipata il cui obiettivo era appunto co-progettare
un’area di circa 500mq nell’area compresa tra corso Mortara, via Livorno, Fiume Dora e corso Principe Oddone, coinvolgendo e facendo dialogare le diverse comunità locali di riferimento (stakeholder del territorio, residenti e comitati di cittadini, realtà sportive, associazioni, fruitori del Parco). Il percorso di co-progettazione coordinato dal Tavolo di progettazione civica ha coinvolto gli assessorati dell’Ambiente, Rigenerazione urbana, Sport e Sicurezza e Politiche sociali oltre a Politecnico, Università di Torino, Fondazione Brodolini.
Quasi 50 cittadini hanno preso parte a ciascun workshop e più di 100 nuovi utenti si sono registrati sulla piattaforma per questo specifico use case.
Alla fine del processo partecipativo, 7 iniziative sono state caricate sulla piattaforma e sono state supportate e votate da circa 100 cittadini. L’iniziativa vincente riflette il desiderio delle associazioni sportive che vivono nell’area di realizzare un polo aggregativo per gli sport di strada.

I numeri

  • 36 mesi (febbraio 2016 – febbraio 2019)
  • € 4.195.168,75 di cui € 223.847,00 alla Città di Torino (100%)
223847

Contributo UE alla Città di Torino

4

Città partner