IURC Torino-Nagoya

International Urban and Regional Cooperation

Nel quadro del programma europeo IURC per la cooperazione internazionale tra città e regioni, la Città di Torino è stata selezionata per un progetto di cooperazione biennale con la città giapponese di Nagoya. I due territori, già uniti da forti relazioni a partire dal gemellaggio firmato nel 2005, hanno caratteristiche molto simili visto il comune background industriale legato all’industria dell’automotive. Inoltre, vi è una visione condivisa rispetto all’importanza delle pubbliche amministrazioni come abilitatori degli ecosistemi locali e attrattori di competenze e know-how per favorire l’innovazione e la transizione verso città più giuste, inclusive e intelligenti.
A partire da questo terreno comune, Torino e Nagoya si impegnano a sviluppare un programma di scambi, visite studio, condivisione di buone pratiche sul tema dell’innovazione applicata al contesto urbano, coinvolgendo tutti quegli attori del territorio che possono portare valore aggiunto e condividere esperienze replicabili.

I partner internazionali

Comune di Torino (IT), Città di Nagoya (JP)

Il progetto a Torino

La Città di Torino intende offrire ai partner giapponesi la possibilità di conoscere in maniera più approfondita le iniziative promosse in primis dall’amministrazione, oltre che da altri attori del territorio torinese, per supportare lo sviluppo di iniziative che possano intercettare i vari aspetti dell’innovazione a scala urbana.
Tra le esperienze che vengono presentate vi sono:

  • l’ecosistema di Torino Social Impact, la cui evoluzione ben evidenzia lo sviluppo di un ambiente locale favorevole ad iniziative innovative e ad alto impatto sociale;
  • SEED, il progetto tramite cui la Città di Torino sta guidando la creazione del Centro di Competenze italiano per l’innovazione sociale;
  • Torino City Lab come iniziativa tramite cui la Città di Torino vuole attrarre imprese innovative in campo tecnologico offrendo la città come luogo di sperimentazione di soluzioni smart finalizzate a migliorare la qualità dei servizi urbani;
  • CTE Next, la Casa delle Tecnologie Emergenti. Si tratta di un grande partenariato strategico con l’obiettivo di trasformare Torino in un centro di trasferimento tecnologico diffuso sulle tecnologie emergenti in settori individuati come strategici per il territorio torinese: mobilità intelligente, industria 4.0 e servizi urbani innovativi.

Le azioni concrete

Nel corso dei due anni di scambio, Torino e Nagoya sono impegnate a creare un programma di apprendimento reciproco attraverso seminari online, visite studio e attività di cluster che coinvolgano altre città interessate al tema dell’innovazione in campo urbano.
Obiettivo ultimo di queste attività è quello di presentare il territorio torinese come un luogo favorevole e attrattivo per l’insediamento di imprese giapponesi che siano interessate a sperimentare soluzioni tecnologiche innovative in ambito urbano, o che intendano sviluppare progetti ad alto impatto sociale.
Inoltre, la Città di Torino intende offrire all’ecosistema degli attori locali l’opportunità di conoscere meglio il contesto giapponese, come possibile ambito in cui stringere nuove alleanze e partenariati.

I numeri

  • 2 città coinvolte
  • 2 visite studio previste
  • 2 anni di cooperazione